Oratorio

Condividi su:   Facebook Twitter Google

Oratorio_LogoL’oratorio è un’esperienza di aggregazione di ragazzi, giovani e adulti che ruota attorno ai principi cristiani; non si tratta di organizzare attività sportive e non, fine a se stesse, ma attraverso di esse aiutare le nuove generazioni a crescere nei valori e principi del Vangelo. Non vuole e non sarà mai una contrapposizione alle tante associazioni presenti già sul territorio, ma una risposta ai bisogni spirituali della persona nella modalità del gioco.

San Carlo dovrà necessariamente essere una parrocchia “abitata” da tutti coloro che desiderano crescere nell’accoglienza, nella fraternità alla luce di Cristo unico Salvatore del mondo e sotto la protezione del “poverello” d’Assisi, pronta ad accogliere chiunque, singolo e associazioni, gruppi ed enti che con carità cristiana voglia dare un concreto contributo alla crescita dei nostri ragazzi. È fatto salvo, così, la storia di questa parrocchia che si inserisce oggi in continuità col passato francescano, ma anche totalmente proiettata avanti nel servizio alla comunità anche civile di Cave.

Le attività dell’oratorio saranno tutte gratuite per i ragazzi e non sarà richiesto alle famiglie nessun compenso per i professionisti che ci aiutano nel perseguire l’obiettivo di stare accanto a tutti senza discriminazione.

Per informazioni +39 324 6834322 – Scarica il Modulo iscrizione oratorio.

Seguici anche su Facebook https://www.facebook.com/OratorioSanFrancescoCave/

orat1

GREST 2018

Dal 25 Giugno al 13 Luglio, alcuni tra i ragazzi e i bambini di Cave, e non solo, sono stati coinvolti nel Gruppo Estivo, GREST, della Parrocchia di San Carlo.

Il tema del  GREST di quest’anno è stato “All’opera”, per  cui nell’arco delle tre settimane sono state svolte  varie attività legate alla “costruzione”  dell’oratorio.  I ragazzi, divisi in tre gruppi (5-7, 8-10, 11-13 anni), sono stati accompagnati in questo percorso dagli animatori che li hanno guidati nei progetti pianificati appositamente per loro.

La giornata si apriva con l’accoglienza, durante la quale i bambini e i ragazzi ballavano e cantavano l’inno e si dedicavano ad un momento di preghiera. In seguito, la giornata si articolava in tre momenti principali. Nella prima parte della mattinata i più piccoli si dedicavano ad attività di manualità come lavorazione della pasta di sale o del pongo.  I ragazzi dagli 8 ai 10 anni, erano impegnati in percorsi che sviluppavano e potenziavano le capacità motorie, mentre i ragazzi più grandi praticavano sport di squadra (pallavolo, calcio, basket, palla prigioniera).

Dopo la merenda, ogni gruppo si alternava tra piscina, giochi e i corsi di inglese, musica, apicoltura e manualità.

Nel primo pomeriggio, dopo il pranzo, il gruppo dei piccoli alternava la visione di cartoni animati legati al tema del GREST a momenti di gioco all’aria aperta. Il gruppo dei grandi era impegnato nell’allestimento dello spettacolo che avrebbero poi rappresentato alla fine di questo percorso, facendo recitazione, scenografia e costumi. Il gruppo dei medi si dedicava alla creazione di cartelloni e piccoli oggetti riguardanti il tema del GREST.

Durante le tre settimane, tutti i ragazzi hanno partecipato ad importanti incontri con l’”Accademia Musicale Cavarum Terra” e con il nutrizionista, dott. Yari Rossi.

Il 28 giugno i ragazzi si sono recati nel parco di Villa Clementi a Cave, per passare alcune ore in mezzo alla natura e hanno anche visitato la chiesa di San Lorenzo.

Il 5 luglio, è stata organizzata una gita a Villa Adriana a Tivoli, in cui, nella prima parte della giornata, è stata fatta una passeggiata nella villa, mentre dopo il pranzo il gruppo si è recato in un parco poco distante dalla villa dove i ragazzi si sono divertiti giocando insieme.

L’ultimo giorno, dopo la messa che i ragazzi hanno animato con i canti preparati durante l’ultima settimana, c’è stata la recita di fine GREST, in cui, il gruppo dei 5-7 e degli 8-10 anni, hanno cantato e ballato varie canzoni, mentre il gruppo dei 11-13 anni ha rappresentato lo spettacolo su San Filippo Neri chiamato “Pippo il buono, giullare di Dio”.

L’esperienza del GREST si è conclusa con i ringraziamenti del parroco Don Gerardo e la cena offerta delle famiglie dei ragazzi.

Beltramme Noemi

Trivelloni Chiara

Mihai Andreea

Grest 2018_7 Grest 2018_6 Grest 2018_5 Grest 2018_4 Grest 2018_3 Grest 2018_2 Grest 2018_1

Condividi su:   Facebook Twitter Google